Archivi tag: Almamegretta

“E’ figlio pure chi non ti somiglia”.

E nun è figlio sulo chi t’è figlio. È figlio pure chi nun t’assumiglia. È figlio e chi se o piglia… E chi o sente.”

Siamo sempre figli di qualcuno,

genitori di altri

fratelli di altri ancora.

Figli ovunque: nel mare, nel deserto, per le strade..

(nella notte buia, al pallido chiarore delle stelle o sotto la luce accecante del giorno)

Genitori ovunque: nel mare, nel deserto, per le strade

(nella notte buia, al pallido chiarore delle stelle o sotto la luce accecante del giorno)

Fratelli ovunque: nel mare, nel deserto, per le strade

(nella notte buia, al pallido chiarore delle stelle o sotto la luce accecante del giorno).

“Finisce bene quel che comincia male”

Dott.ssa Giusy Di Maio

Lavoro

“Lieben und arbeiten”, “amare e lavorare”, questa è la mia ricetta contro i mali oscuri dell’uomo.

Sigmund Freud
Sanghe e Anema – Almamegretta

L’aveva compreso Freud la soluzione ai mali oscuri dell’essere umano è nel lavoro e nell’amore.

Il lavoro è la chiave per la serenità delle persone. Nel lavoro le famiglie ritrovano l’opportunità di costruire un futuro. Nel lavoro l’umano può ritrovare la propria dignità.

Anima e sangue è ciò che tanti lavoratori mettono nel lavoro.

Sangue e anima è il lavoro degli ultimi, di quelli sfruttati, di quelli dimenticati, di quelli che facciamo finta di non vedere..

“Gente che ha sofferto sempre troppo e che per mille anni è stata sempre sotto..” cit.

Nun te scurdà

“Finisce bene quel che comincia male”

dott. Gennaro Rinaldi

“Non ti scordare/Non dimenticare.”

Farò una cosa che non sopporto: tradurre la lingua madre.

Non si tratta di presunzione ma il suono (il significante) prende il sopravvento sul significato (che può avere per ciascuno connotazione personale). Ciascuno può ascoltare un brano e darvi il significato che più ritiene giusto; questo è lo straordinario potere della musica.

Quando suonavo -durante la pratica di accompagnamento pianistico- i cantanti (asiatici e russi in particolare), dicevano: “No..no… No Verdi… Canzone!”.

Erano in conservatorio per cantare la musica napoletana che tanto li allettava. Magari non capivano nulla del testo ma armonia e melodia li conquistava sempre (con buona pace del Maestro e del cazziatone che puntualmente arrivava. Ma Maè… quant’è bell cazzeggiare sulla minore -armonica- napoletana!?).

Ora… prima che il mio noto inconscio prenda altre vie, ci dedico un (super) pezzone! In una versione leggermente diversa dall’originale che -credetemi- merita…

“Nun te scurdà” è un brano degli Almamegretta che ho già condiviso. E’ del 1995 ed è stato considerato dalla rivista Rolling Stone il 36° album (su 100) più bello di sempre.

‘E ssentevo quanno ero figliola, ‘o cchiammavano ammore (Le sentivo quando ero bambina, lo chiamavano amore)
Chellu fuoco ca te nasce mpietto e ca maje se ne more (quel fuoco che ti nasce nel petto e mai muore)
‘E ccumpagne parlavano zitto ‘e na cosa scurnosa (le amiche parlavano silenziosamente di questa cosa imbarazzante, intima)
Ca na femmena ‘a fa sulamente ‘o mumento ca sposa (che una donna fa solo quando si sposa)

E pure si sposa nun songo stata maje (e anche se non sono stata mai sposa)
Saccio comme volle ‘o sanghe e ‘o core sbatte forte assaje (so come ribolle il sangue e come il cuore batte forte)
Quanno ‘a voce d’a passione chiamma a te (quando la voce della passione chiama te)
Quanno zitto int’ ‘a na recchia tu te siente ‘e murmulià (quando silenziosamente nell’orecchio senti mormorare)

Nun te scurda’ nun te scurda’ (non dimenticarti)
Nun te scurda’ pecché sta vita se ne va (non dimenticarti che questa vita se ne va)
Nun te scurda’, maje ‘e te (non dimenticarti mai di te)

MNun te scurda’ nun te scurda’ (non dimenticarti, non dimenticarti)
Nun t’ ‘o scurda’ pecché si no che campe a fa’ (non dimenticarti altrimenti che vivi a fare)
Nun te scurda’ ‘e te maje (non dimenticarti mai di te)

E tanto ‘e llammore ca ‘a sciorta m’a miso int’ ‘e mmane (è tanto l’amore che la sorte mi ha messo nelle mani)
Ca ‘o vvengo e ‘a ggente pe’ chesto me chiamma puttana (che lo vendo e per questo la gente mi chiama puttana)
Nun’aggio maje saputo sta’ carcerata int’ ‘a casa (non sono mai saputa restare chiusa, carcerata in una casa)

e n’ommo ca capeva chesto nun l’aggio truvato (e un uomo che capisse questo non l’ho mai trovato)

A chi me schifa dico vuo’ vede’ (a chi prova disgusto dico vuoi vedere)
Ca ‘o cuorpo tu t’ ‘o vinne comme a me (che il corpo tu non lo vendi come me)
Nun me suppuorte e chest’ ‘o ssaccio già (non mi sopporti e questo già lo so)
I’ songo ‘o specchio addÙ nun te vulisse maje guarda’ (io sono lo specchio dove non ti vorresti mai guardare)

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ pecché sta vita se ne va
Nunte scurda’, maje ‘e te

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun t’ ‘o scurda’ pecché si no che campe a fa’
Nun te scurda’ ‘e te, maje

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ommo (mamma, puttana o brutta copia di un uomo)
Chest’è na femmena int’ ‘a chesta parte ‘e munno (questo è una donna in questa parte del mondo)
Ca quanno nasce a cchesto è destinata (che quando nasce a questo è destinata)
E si ‘a cummanna ‘o core d’ ‘a ggente è cundannata. (e se la comanda il cuore, dalla gente è condannata)

Mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ommo
Avesse voluto ‘e cchiù int’ ‘a chesta parte ‘e munno (avrei voluto di più da questa parte del mondo)
Apprezzata no p’ ‘e mascule sgravate (apprezzata non per gli uomini dati al mondo/partoriti)
no p’ ‘e chisto Cuorpo bello no p’ ‘e mazzate che aggio dato (non per questo bel corpo, non per le botte che ho dato)
Sulamente pecché femmena so’ stata (solo perchè sono stata una donna)
E nu catenaccio ‘o core nun me l’aggio maje nzerrato (e una catena, il mio cuore, non l’ho mai chiuso)
Sulamente pecché femmena so’ stata (solo perchè sono stata una femmina)
Sulamente femmena…

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ pecché sta vita se ne va
Nun te scurda’, maje ‘e te

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun t’ ‘o scurda’ pecché si no che campe a fa’
Nun te scurda’ ‘e te, maje.

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ ‘e te, maje

Nun te scurda’ nun te scurda’
Nun te scurda’ ‘e te, maje.

Non dimenticarti… altrimenti: che vivi a fare.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

La tua follia, la mia verità.

“Dottoressa Buonasera ma fate sempre più tardi del tardi!”

Buonasera N., cosa vuoi che ti dica.. e tu? Perché sei nel quartiere a quest’ora?

“Dottorè e guardate qua.. Cu sta campagna elettorale stanno tutti sti volantini e bigliettini, mi dispiace che domani mattina chella guagliona e Miriam deve pulire tutto da sola; è vero che è la spazzina però voi lo sapete che io ci tengo e con il comitato di quartiere teniamo tutto pulito… Non a caso il nostro quartiere è un gioiellino! Che po’ io rido.. Ci stanno tutti sti ragazzini mo… che ci cazzeano su internet (nuovo terreno di battaglia, a quanto pare) che ci dicono che noi all’ambiente non ci teniamo e che gli stiamo togliendo il futuro… Io mi chiedo… Perché invece di scrivere su sti social (che poi consumano energia e inquinano), non vengono a pulire direttamente le città? Dottorè scusatemi ma stu mal tiemp mi fa triste. Quando piove e il cielo si fa scuro mi si fa ‘o core scuro perché poi stare chiusi dentro, al buio, mi fa pensare, ma pensare in un modo negativo. Mi piace la luce perchè così i pensieri li posso vedere per quello che sono e non nascosti… ombra tra le ombre.

Lo so N., Spesso il vero atto di coraggio è guardare il sole e la luce, non il buio. Il buio nasconde creando l’illusione e l’alone dietro la cosa che così… può mostrarsi pure per ciò che non è. La luce ti mette spesso davanti all’evidenza dei fatti.. E l’evidenza dei fatti spesso siamo noi stessi: esseri mancanti.

“Dottorè misà che io ho capito qual è il vostro problema. Voi non tenete degli occhi, tenete degli specchi; non è facile guardare negli occhi chiari perché mostrano tutto e riflettono ‘o bbuono e ‘o malamente. Voi dite senza dire, questo è. Comunque Dottorè col Dottore mi trovo proprio bene; mi piace come mi ascolta e mi ha fatto pesare pure meno il cambio dei farmaci… Avevate ragione che sto in una botte di ferro”.

(Mi piacerebbe poter dire che l’occhio lucido sia colpa dell’improvvisa folata di vento che si fa duna sulla mia pelle rosa, ma non è così.  La verità è che nel mio malinconico sorriso la mente ha preso atto di una cosa: N. La tua follia è spesso la mia verità.)

“Finisce bene quel che comincia male”.

Dott.ssa Giusy Di Maio.

Lavorare a ritmo di Musica.

Photo by Snapwire on Pexels.com

In America, nell’ambito delle diverse strategie aziendali usate per mantenere alto il livello di creatività e soddisfazione sul luogo di lavoro, viene utilizzata la musica.

Lo scopo è non solo mantenere alto il livello di concentrazione ma anche aumentare memoria, concentrazione e la comunicazione tra i diversi membri in azione.

Una delle strategie maggiormente usate è la seguente:

1- costruire un bersaglio. Prendere un pezzo di carta (ad es di 180 cm) e disegnare un punto rosso nel mezzo di tre o quattro spessi cerchi neri concentrici; mettere successivamente il foglio sul pavimento o su un tavolino nel mezzo della stanza.

2- trovare un brano di musica popolare che inviti al movimento. A questo punto le persone si invitano a camminare tutte intorno al bersaglio in senso orario. La persona che funge da leader, nel frattempo, urla con decisione una frase motivazionale.

3- Uno alla volta, i presenti, devono camminare intono al bersaglio fissando il centro del bersaglio stesso dove (sempre a tempo di musica) ripetono ad alta voce un obiettivo che intendono raggiungere. Questa parte del lavoro funge da richiamo per il cervello sinistro, quello destro, il cervello medio e quello posteriore che vengono così attivati simultaneamente.

4. Continuando a camminare a ritmo di musica intorno al bersaglio, si esprimono le proprie idee; successivamente si sceglie un compagno con cui annotare suggerimenti o idee alternative; le idee sono tutte giuste, anche quelle più imbarazzanti. Se viene da ridere non è necessario mantenere il contatto visivo con l’interlocutore.

5- Dopo 15 minuti di danza della pioggia o brainstorming, i partecipanti possono riprendere il normale discutere e conversare con gli altri, sulle idee appena condivise e appuntate a turno su una lavagna.

Questo esercizio può sembrare un gioco, magari infantile, ma funziona. Carica il respiro, attiva le aree del cervello e manda su di giri tutto il sistema.

In estremo oriente si chiama “raggiungere lo stato mentale del principiante” ovvero vedere il mondo per la prima volta, come un bambino.

Secondo il mito greco, Orfeo suonava la lira per ispirare Giasone e gli Argonauti nella ricerca del vello d’oro.

La musica smuove l’energia e l’energia, come disse Blake, è eterna gioia.

Con l’aiuto della musica il lavoro può diventare più simile a un gioco rendendolo meno faticoso e stancante.

“Finisce bene quel che comincia male”

Dott.ssa Giusy Di Maio.